Cronaca News

ARRESTI DOMICILIARI PER LA 66ENNE ACCUSATA DI AVER UCCISO IL MARITO

Irma Forte, la 66enne che avrebbe ucciso il marito 72enne agli arresti domiciliari. Nei prossimi giorni l’autopsia sul cadavere.

ARRESTI DOMICILIARI PER LA 66ENNE ACCUSATA DI AVER UCCISO IL MARITO

Omicidio di Santa Maria del Molise, Irma Forte, la 66enne che avrebbe ucciso il marito 72enne agli arresti domiciliari. Nei prossimi giorni l’autopsia sul cadavere. Di seguito il comunicato stampa della procura: “Questa mattina a Santa Maria del Molise i Carabinieri di Macchiagodena sono stati avvisati da alcuni familiari che il loro genitore era deceduto. I Carabinieri, giunti sul posto, si sono resi conto che non si trattava di una morte naturale o accidentale.
Dall’analisi dei luoghi e del corpo inerme, gli indizi emersi hanno indotto ad ipotizzare che si trattava di un omicidio. Il cadavere presentava delle ferite al capo mentre la moglie versava in uno stato confusionale.
Le indagini immediatamente avviate, dirette dal Procuratore della Repubblica Carlo Fucci e condotte dal Magistrato di turno recatosi sul posto per il sopralluogo e per la prima constatazione della scena del delitto, supportate dai primi rilievi tecnici dei Carabinieri del Comando Provinciale di Isernia, hanno fatto presumere la responsabilità della moglie convivente.
La donna dopo essere stata accompagnata presso l’Ospedale Civile di Isernia è stata dichiarata in arresto e, su disposizione della Procura, accompagnata agli arresti domiciliari presso l’abitazione di un familiare. Seguirà la richiesta di convalida al G.i.p. .
La Procura della Repubblica ha già disposto l’effettuazione dell’esame autoptico sul cadavere che sarà eseguita nei prossimi giorni.
Le indagini proseguono attraverso l’acquisizione di dichiarazioni di persone informate sui fatti, la valutazione degli elementi rinvenuti sulla scena del delitto e quelli rinvenibili con un ulteriore sopralluogo.
Il procedimento si trova nella fase delle indagini e l’indagata potrà far velare le sue difese innanzi all’Autorità Giudiziaria”.

Torna alla lista

Post correlati