News Spettacolo

ISERNIA CAPITALE EUROPEA DEL CARNEVALE

Isernia e il Molise si apprestano a diventare il centro dei festeggiamenti carnevaleschi dell’Italia e dell’Europa.

ISERNIA CAPITALE EUROPEA DEL CARNEVALE
Ptuj, sredisce mesta. Uvodna slovesnost Kurentovanja 2011. Kurenti. Foto: Vesna Pusnik Brezovnik/STA

Isernia e il Molise si apprestano a diventare il centro dei festeggiamenti carnevaleschi dell’Italia e dell’Europa. L’aps Artemide, infatti, ha ormai definito il programma del Carnevale Europeo delle Maschere Zoomorfe (https://www.facebook.com/mascherezoomorfe), che avrà luogo dal 23 al 26 del prossimo mese di febbraio. Il momento più spettacolere dell’evento sarà nel pomeriggio-sera di sabato 25 a Isernia, con la grande sfilata di oltre 220 figuranti in maschera provenienti da diverse nazioni, fra cui la , la e la , e anche da alcune regioni italiane come la ’, la e la . Fra le maschere presenti ci saranno i Kurent della Slovenia, i cui cortei sono inclusi dal 2017 nella Lista del Patrimonio Culturale Immateriale dell’UNESCO. Il loro è un carnevale davvero importante e coinvolgente. I Kurent, anche detti Korent, indossano un costume in vello di pecora, hanno grandi campanacci legati alla vita e portano un enorme copricapo di pelliccia decorato con corna, piume e nastri colorati. Il volto è celato da una maschera di cuoio caratterizzata da un grosso naso e da una lunga lingua rossa. L’intero completo può arrivare a pesare anche 40 chili. Secondo le credenze popolari slovene, i Kurent, saltellando e facendo rumore, scacciano l’inverno e annunciano la primavera. Per il momento, quella della presenza a Isernia dei Kurent è l’unica anticipazione fatta dagli organizzatori. Delle altre interessanti maschere che caratterizzeranno la manifestazione daranno notizia mano a mano che si avvicineranno le date di svolgimento. Il Carnevale Europeo delle Maschere Zoomorfe si preannuncia come un evento davvero straordinario, pressoché unico in Italia e che ha pochi eguali nell’intero continente. Sarà una rilevante vetrina per Isernia e l’intero Molise sia a livello culturale che di promozione del territorio.

Torna alla lista

Post correlati