Sanità

SANITA’ MARTORIATA, AIDA ROMAGNUOLO: “OLTRE AL DANNO LA BEFFA”

In Molise sembra che quel diritto alla salute, tanto evocato, non venga affatto considerato, soprattutto dopo il totale smantellamento degli ospedali e della sanità pubblica.

SANITA’ MARTORIATA, AIDA ROMAGNUOLO: “OLTRE AL DANNO LA BEFFA”

Che sia sanità pubblica o che sia sanità privata accreditata, i molisani hanno un solo e legittimo desiderio, il diritto ad essere curati e bene. Ma in Molise sembra che quel diritto alla salute, tanto evocato, non venga affatto considerato, soprattutto dopo il totale smantellamento degli ospedali e della sanità pubblica. “Testimonianza ne è – ha sottolineato la consigliera regionale, Aida Romagnuolo – l’ultima comunicazione da parte del Direttore generale della Salute della Regione Molise che ha assunto, nei confronti delle strutture private, un’ambigua posizione afferente le prestazioni di assistenza ospedaliera e specialistica ambulatoriale erogate nell’ultimo bimestre dell’anno 2022. Una condizione questa – ha ancora detto Romagnuolo – che ha spinto Gemelli Molise e Neuromed a scrivere al Ministero della Salute e non solo, evidenziando la gravità di quanto imposto. Inevitabili le conseguenze: strutture private pronte al trasferimento dei pazienti ricoverati in altre realtà in grado di garantire cure e tutela dei malati, fino alla possibile chiusura e alla sospensione del personale. Eppure, Gemelli Molise e Neuromed erogano prestazioni esclusive e di grande qualità, supportando spesso gli stessi ospedali pubblici del territorio non in grado di fornire determinati servizi o di elargire specifiche cure. Per la nostra comunità, tali strutture rappresentano dei punti di riferimenti e solo immaginare una loro chiusura, per via del taglio delle risorse legate all’accreditamento, sconcerta. Preoccupa pensare di non potersi più affidarsi alla sanità molisana ed è terribile ipotizzare di doversi recare fuori regione per farsi curare. Tutto questo non è concepibile ed è gravissimo, perché dopo il danno viene servita anche la beffa. L’intera sanità regionale è ormai svilita, con la conseguenza di un territorio che sta ‘morendo’ su ogni fronte. Chiedo pertanto al Commissario alla sanità del Molise e al Presidente della regione Molise Toma, cioè alla stessa persona – ha concluso Romagnuolo – di rivedere le proprie posizioni e di percorrere la corretta strada, affinchè la nostra sanità ritrovi la dignità che meriti, garantendo ad ogni singolo cittadino molisano il diritto alla salute”.

Torna alla lista

Post correlati